Categoria: incubatori

Ultimi post


Tag cloud

Le startup RI-PRESE e OLTRE selezionate per la seconda fase di START CUP VENETO 2020. I nostri giovani imprenditori consolideranno il loro progetto grazie ad un programma di accelerazione a Padova.

START CUP VENETO 2020, la call per l’imprenditoria innovativa e universitaria, annuncia l’inizio della seconda fase del programma all’insegna della ripresa e del rinnovamento: si sono iscritte ben 230 persone pronte a costruire, nonostante le recenti dure esperienze legate all’emergenza sanitaria. Più iscrizioni, ma anche più opportunità, perché sono stati selezionati 12 team invece di 10, viste le ottime valutazioni a pari merito raggiunte da quattro gruppi concorrenti.

Tra i 12 team finalisti segnaliamo con orgoglio i “nostri” RI-PRESE memory keepers e OLTRE, che avevamo già visto tra i finalisti del programma di formazione Iuav START.HUB. RI-PRESE digitalizza filmini di famiglia e archivi cinematografici d’impresa con il fine di valorizzare la memoria del territorio. OLTRE offre supporti alla mobilità a persone con disabilità visive e motorie per migliorare l’accessibilità urbana e l’inclusione sociale.

La diciannovesima edizione della business plan competition veneta, la seconda organizzata con il coordinamento di tutte le università della nostra regione (Università Ca’ Foscari, Università Iuav di Venezia, Università di Verona, Università di Padova), inaugura infatti la quinta categoria premiale “CULTURE, CREATIVITY & INCLUSIVE SOCIETY” che riguarda prodotti e servizi innovativi orientati ai settori dell’economia creativa, sociale, circolare e della sostenibilità o che afferiscono agli ambiti umanistici.

RI-PRESE e OLTRE inizieranno l’Acceleration program il 15 luglio per poi continuare il 20, 21 e 22 luglio al Palazzo del Bo’ a Padova. Verrà comunque garantito un collegamento telematico a chi non possa raggiungere l’Ateneo patavino. Seguiranno lezioni laboratoriali e saranno affiancati da professionisti del settore dell’innovazione, del business e della gestione societaria, formatori ed esperti consulenti, per sviluppare competenze specifiche utili a far maturare ulteriormente la loro business idea.

Un’altra novità di quest’anno sono i due premi speciali, parte in denaro, parte in servizi, grazie alla partnership di due imprese del vicentino: Elovator srl, una società che gestisce un polo di innovazione, incubatore e spazio di coworking ed Ensys srl, un’azienda di progettazione elettronica, sviluppo firmware e sviluppo software. I 5 vincitori di Start Cup Veneto, come per il passato, parteciperanno al “Premio nazionale per l’innovazione 2020”, con i vincitori delle altre Start Cup italiane. Quest’anno la Finale del PNI si terrà a Bologna il 26 e 27 novembre 2020.

 

IMMEDIATE – la call per l’incubazione di start up e SME della digital wave Fino al 31 luglio 2020, per progetti innovativi di media communication, entertainment e gamification

Il mondo dei media, della comunicazione e dell’entertainment sta vivendo uno sviluppo senza precedenti, tanto che si parla di “digital wave”. Il 5G, l’Artificial Intelligence e la Virtual Reality sono solo alcune delle tecnologie che stanno rivoluzionando i modelli di business, la distribuzione e i consumi, risultando promettenti strade da percorrere anche in epoca di emergenza. 

RS production e Rolling Stone lanciano Immediate, una call to action per progetti innovativi (startup digitali, nuova imprenditoria, think tank, inventori e ricercatori ) nei settori della media communication, entertainment e gamification promossa in partnership con Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Dopo una prima fase di selezione e formazione dei team, coordinata da Intesa Sanpaolo Innovation Center , che vedrà il coinvolgimento dei Rolling Stone Studios di Milano, le realtà finaliste accederanno alla seconda fase del percorso di accelerazione che metterà a disposizione mezzi economici, beni, servizi e coaching dedicato, finalizzati allo sviluppo di un proof of concept. Sono richiesti Pitch, Demo e Business Plan.

Tra i partner dell’iniziativa si segnalano Iervolino Entertainment, realtà specializzata nella produzione di contenuti cinematografici e audiovisivi, Tatatu – innovativa piattaforma di intrattenimento, Atlas Film Finance – società internazionale di videoproduzione e la Digital Bros Game accademy, società del Gruppo Digital Bros leader nel settore della gamification. Infine, la direzione creativa del progetto sarà affidata alla Dreamers&Makers, già agenzia creativa del Gruppo Portobello e partner di Rolling Stone.

Par maggiori informazioni e presentare le proprie candidature cliccare qui entro e non oltre il 31 Luglio 2020.

Global Start Up Program 2020 – opportunità per progettare l’internazionalizzazione. Fino al 22 giugno candida la tua azienda per un persorso di incubazione all'estero.

L’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, su indicazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale organizza “Global Start Up Program II° Edizione” per 150 startup innovative italiane che intendano rafforzare le proprie capacità tecniche, organizzative e finanziarie per affrontare nuovi mercati, afferenti ai settori:

ICT ad esempio intelligenza artificiale, cyber security, fintech, blockchain, big data, ecommerce, realtà aumentata e virtuale, videogame, oltre a servizi, infrastrutture e componenti di telecomunicazione
Robotica e Industria 4.0;
Aerospazio;
Automotive con particolare riferimento a future mobility (veicoli elettrici e connessi e relativi servizi);
Life Sciences ad esempio attrezzature e applicazioni medicali e biotech;
Smart agriculture e foodtech;
Circular Economy ad esempio low carbon technologies, materiali sostenibili, energie rinnovabili;
Smart cities e domotica: ad esempio critical infrastructure, arredi urbani, IoT, servizi al cittadino, digital design.

Le start up interessate devono avere sede nel territorio nazionale, essere impegnate nello sviluppo d’innovazioni di prodotti o di servizi, con potenziale di crescita all’estero. La partecipazione al programma è subordinata all’accettazione da parte degli incubatori esteri partners. Il progetto intende offrire ai partecipanti la possibilità di usufruire di un percorso di accelerazione all’estero attraverso il coinvolgimento di players internazionali, selezionati dall’Agenzia ICE, che ospiteranno le startup selezionate per un periodo della durata di circa 8 settimane, da svolgersi orientativamente nell’arco temporale compreso tra Agosto e Novembre 2020 in base agli accordi che verranno presi con i singoli incubatori/acceleratori e le specificità del Paese di destinazione.

I paesi di destinazione sono: Argentina, Cina, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, India, Israele, Regno Unito, Stati Uniti d’America. Le attività in Israele, che prevedono l’integrazione con programmi analoghi promossi dal Ministero degli Affari Esteri e dalla Cooperazione Internazionale, saranno regolate da apposito Bando, riservato a 10 startup, che sarà pubblicato in collaborazione con il MAECI, in un momento successivo.

L’ammissione alla fase di selezione del progetto ed al suo successivo svolgimento sono gratuite; l’ICE Agenzia si farà carico dei costi di viaggio (a/r in classe economy), del soggiorno all’estero, del percorso di accelerazione presso l’incubatore partner e di assicurazione anti infortuni. Gli uffici ICE all’estero coinvolti forniranno la necessaria assistenza alle imprese partecipanti.

Per informazioni sul presente avviso ci si potrà rivolgere agli Uffici Agenzia ICE (Via Liszt, 21 – 00144 Roma) che sono preposti a questo progetto:
– Ufficio Servizi Formativi: email formazione.startup@ice.it
– Ufficio Tecnologia Industriale, Energia e Ambiente email: global.startup@ice.it

Qui il link al bando.

Vai al sito dell’ICE

Confermata la call di Start Cup Veneto 2020, la competizione regionale per start up emergenti. Nel 2020 si apre anche una nuova categoria: Culture, Creativity and Inclusive Society.

L’Università Iuav di Venezia insieme a quelle di Padova, Verona e Ca’ Foscari, organizza la 19esima edizione di Start Cup Veneto, il concorso che premia le migliori idee d’impresa espresse in forma di business plan, con l’obiettivo di promuovere l’innovazione favorendo la creazione di nuove imprese basate sui risultati della ricerca. È possibile presentare progetti in qualsiasi settore e indipendentemente dal loro stadio di sviluppo, purché caratterizzati da un contenuto innovativo e frutto del lavoro originale dei proponenti.
Nella prima fase verranno selezionati 10 progetti: questi potranno seguire un percorso di incubazione e maturazione dell’idea imprenditoriale e saranno accompagnati nella scrittura o nel miglioramento del loro business plan e nella realizzazione di un video-pitch efficace.
Nell’evento finale di ottobre, saranno presentate e poi premiate le migliori innovazioni nelle seguenti categorie:

  • ICT
  • Life Science
  • Clean Tech & Energy
  • Industrial
  • Culture, Creativity and Inclusive society – NEW!

Il premio in denaro per ciascuna categoria è di 2.500 euro. I finalisti avranno accesso al Premio Nazionale per l’Innovazione!
Le iscrizioni sono aperte fino al 12 giugno alle ore 13.

Per maggiori informazioni vai al sito START CUP VENETO 2020
Segui la pagina Facebook di SCV2020
Vai al Premio Nazionale per l’Innovazione

Ripartenza post-Covid-19: la call ITALY UP finanzia start up e progetti indipendenti

L’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione del virus Covid-19 ha avuto un forte impatto sulla vita di tutti. Ora ci avviamo verso la ripartenza, e per favorirla si moltiplicano le iniziative di stimolo e di sostegno all’imprenditoria, anche giovanile e soprattutto innovativa.

Per contribuire concretamente al rilancio del sistema Paese e per supportare il tessuto socio-economico nei cambiamenti e nelle trasformazioni che si verificheranno nel prossimo futuro, LVenture Group – holding di partecipazioni quotata in Borsa e tra i principali operatori early stage Venture Capital a livello europeo – ha lanciato assieme al Gruppo Telepass e in collaborazione con l’Università Campus Bio-Medico di Roma, il progetto ItalyUp: una “Open Call” a cui è possibile candidarsi in ogni momento, senza un termine finale.

L’ambito dei settori coinvolti è molto aperto: in primis quello della salute, ma la ripartenza ha bisogno anche di molto altro, ad esempio mobilità, logistica, digitalizzazione delle imprese e della pubblica amministrazione, e quindi tutti i settori in cui le startup possono sviluppare risposte concrete a bisogni attuali e alle nuove esigenze del mercato. Le startup selezionate riceveranno fino a 30 mila euro per lo sviluppo dei loro progetti assieme al supporto del team di esperti di LVenture Group e delle corporate ed Enti partner.

Per ulteriori informazioni vai alla pagina web dedicata.

In partenza il progetto Horizon2020 “Start up³” Un programma di incubazione, PoC e finanziamento per nascenti start up ad alto potenziale tecnologico

A breve è in partenza “Start up³”, un percorso che ha come obbiettivo la creazione di un ecosistema collaborativo dove ricercatori e specialisti in innovazone tecnologica trovino, insieme alle aziende, un terreno di dialogo e costruzione comune di progetti imprenditoriali internazionali ed intersettoriali caratterizzati dall’innovazione disruttiva ad alto potenziale tecnologico, grazie all’appoggio di Corporate Venture Capital, Venture Capital e business angels disponibili ad investimenti in ricerca e sviluppo particolarmente promettenti. Si tratta di un progetto che ha ricevuto il finanziamento Horizon2020, e dunque è rivolto a soggetti appartenenti a tutti gli stati membri EU, i paesi OCT legati ai paesi EU, ed ai paesi associati Horizon2020.

L’ecosistema da creare coinvolgerà startup, enti pubblici, investitori, aziende, associazioni di categoria e cluster imprenditoriali ed industriali, incubatori ed enti erogatori di programmi di “accelerazione”, hubs di innovazione technologica. L’invio della candidatura dell’idea imprenditoriale ad alto contenuto tecnologico (Internet of Things, Intelligenza Artificiale, Blockchain, Realtà Virtuale, ecc.) è da effettuarsi entro il 20 aprile 2020. Tra le application ricevute saranno selezionati i 25 progetti con il miglior potenziale tramite peer-to-peer evaluation: i concorrenti sono valutatori e valutati allo stesso tempo.

Fase 1 Best Potentials (UPTAKE): incubazione e crescita del potenziale dei 25 selezionati per 3 mesi – sviluppo del concept, analisi tramite il 360° strenght and weakness radar, studio del mercato di riferimento ed allineamento della proposta, networking all’interno del cluster di aziende di settore individuate tra i partecipanti, identificazione del Minimum Viable Product, business plan, etc… Al termine, un incontro di cluster aziendale all’interno del quale si selezioneranno 10 progetti per la fase successiva.

Fase 2 Mentoring – Ideation2product (UPGRADE): 6 mesi di training per 10 selezionati per il passaggio da ideazione a prodotto e per la redazione di un Executive Summary completo. Il Minimum Viable Product sarà testato e pronto per il mercato (PoC). Lancio del MVP attraverso un piano di digital marketing diretto a misurarne l’attrattività sul mercato globale. Ulteriore selezione di 5 progetti.

Fase 3 Product2market (UPSCALE): i 5 selezionati saranno avviati ad individuare reali opzioni di finanziamento e a costruire partnership solide che offrano percorsi di crescita permettendo la scalabilità del progetto imprenditoriale, venedo abbinati a 3/5 piccole-medie aziende con alto potenziale di mercato. Grazie a Venture Capital investors o a Corporate Venture Capital, private equity, business angels, metteranno il prodotto sul mercato.

La caratteristica del programma sarà la capacità di superare il gap della separazione geografica tra le startup, le piccole e medie industrie interessate alla ricerca e sviluppo e gli investitori con obiettivi comuni, stabilendo tra loro connessioni “cross-border”. Questo ponte sarà costruito tramite 2 incontri di cluster aziendali, 3 hackathons e innovation challenges di 1 giorno/1 settimana, 3 missioni in cui gli startupper potranno studiare gli ecosistemi imprenditoriali che interessano il loro progetto in altri paesi, 75 missioni ad-hoc per approfondire questioni specifiche.

LINGUA: Inglese – sarà possibile realizzare il percorso di incubazione on line tramite la piattaforma Founder studio.

CONTATTI: https://startup.3.eu, support@startup3.eu

PIATTAFORMA PER LA DOMANDA: https://evaluation.startup3.eu/ (una sola domanda per ogni soggetto/startup)

BUONE NOTIZIE per la start up Iuav OLTRE! Il Corriere della Sera presenta il lavoro dei nostri giovani imprenditori nell’inserto “Buone notizie - L’impresa del bene”.

Abbiamo già parlato di Cecilia Garuti, Lorenzo Berti e Piergiorgio Callegher di OLTRE, che erano apparsi su Millionaire nel numero di gennaio. Il gruppo, selezionato dal laboratorio Iuav START.HUB ed ora “incubato” per un anno presso il nuovo coworking lab VEGA del Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia , è protagonista di un’ottima campagna maketing che li porta nuovamente alla vista dei molti lettori di una testata storica a livello nazionale.

Niente di meglio che l’inserto “BUONE NOTIZIE” del Corriere della Sera, per promuovere il progetto dell’azienda che agevola la vita dei disabili visivi e motori grazie ad un bastone intelligente che segnala la presenza di ostacoli con vibrazioni e suoni. Il bastone reagisce agli impulsi di risposta di sensori posti in piccoli apparecchi chiamati “facilitatori ambientali”, posizionati in maniera pressoché invisibile nel contesto urbano, in corrispondenza degli ostacoli. Scopriamo nell’intervista che questi speciali sensori non hanno bisogno di elettricità, sono resistenti all’acqua e saranno inseriti nei facilitatori ambientali costruiti in materiali leggeri e tecnicamente performanti da lavoratori disabili, in collaborazione con Anffas. Si raddoppia l’effetto positivo sulla società: creare un prodotto innovativo ed estremamente utile per i disabili, ed offrire dall’altro lato lavoro ad una categoria svantaggiata, ne migliorerà la qualità di vita e ne favorirà l’integrazione attiva.

Leggi l’articolo

La start up Iuav OLTRE intervistata sulla rivista Millionaire I ragazzi formati a START.HUB presto completeranno il percorso di incubazione presso il nuovo coworking lab VEGA, Venezia

Nel numero di febbraio 2020, la rivista Millionaire intervista Lorenzo Berti, Piergiorgio Callegher e Cecilia Garuti di Oltre, start up selezionata attraverso il percorso di formazione START.HUB 2019, Innovazione Sociale per le Industrie Creative, il laboratorio intensivo Iuav per la creazione di start up dedicato al tema dell’innovazione sociale all’interno del progetto “SOCIAL-INNOV-UPPER: innovatori sociali in Regione Veneto” (Asse II Inclusione sociale “INN Veneto – Cervelli che rientrano per il Veneto del futuro – Progetti di innovazione sociale”) finanziato dalla Regione Veneto.

Siamo orgogliosi aver accompagnato nelle fasi iniziali questi tre ragazzi, che come segnala la rivista, si avviano a installarsi presso il nascente coworking lab del Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia VEGA, dove proseguiranno il percorso di incubazione che porterà la loro idea a maturare fino alla fase dell’entrata nel mercato, e quindi alla candidatura dell’impresa a spin off dell’Università Iuav di Venezia.

Il progetto prevede lo sviluppo di strumenti per l’orientamento e l’assistenza alla percorribilità  – per chi è soggetto a disabilità motorie, visive e del neurosviluppo – che interagiscono con l’ambiente circostante, ne registrano le caratteristiche e trasmettono feedback tattili e uditivi all’utente, con una minima invasività dal punto di vista dell’infrastruttura architettonica, e l’elaborazione di una mappatura specifica del territorio urbano su cui lavorerà il software incorporato nei dispositivi proposti da Oltre.

Come Venezia, tante città italiane hanno un patrimonio artistico-monumentale di tale entità e con particolari aspetti architettonici per cui l’adeguamento per l’accessibilità costituisce la messa in crisi del rispetto dei criteri per la conservazione dei beni culturali. Garantire accessibilità e integrazione sociale proprio in questi contesti, permettendo mobilità e orientamento autonomo a disabili motori e visivi, è l’intelligente ed ambiziosa meta di innovazione che i giovani imprenditori della start up Oltre si sono dati con entusiasmo e determinazione.

START.HUB – EVENTO FINALE Premiati i 4 migliori progetti

Molte le aziende, le start-up, gli studenti e i cittadini presenti lunedì 25 novembre 2019 presso la Fondazione Venezia, per scoprire i progetti di impresa sociale che si candidano a diventare nuovi spin off Iuav. Dopo una selezione di circa 40 progetti ed il workshop di incubazione START.HUB, laboratorio intensivo per la creazione di start-up dedicato al tema dell’innovazione sociale, le 13 proposte selezionate sono state presentate ufficialmente e 4 di loro premiate.

A valutarle, un’ampia giuria composta, oltre che dal comitato Iuav per gli spin-off, dal rettore Alberto Ferlenga, dal delegato alla terza missione Lorenzo Fabian, dal segretario della Fondazione Venezia Giovanni Dell’Olivo, dal segretario di Confcommercio Veneto Eugenio Gattolin, da Antonio Bassi di Unicredit, da Tommaso Santini della Fondazione Ca’ Foscari, dagli spin-off “anziani” di Iuav e da esperti provenienti dal mondo delle associazioni, dell’impresa e dalle istituzioni locali.

Dei 13 progetti imprenditoriali, i 4 migliori saranno avviati all’iter di riconoscimento come spin-off accademici Iuav, dopo aver completato il processo di progettazione e maturazione presso il LAB, il nuovo coworking dedicato a start-up e spin-off delle università Iuav e Ca’ Foscari sito al Vega

A larghissima maggioranza la giuria ha premiato Ri-PRESE dei veneziani di adozione Giuseppe Ferrari e Nicoletta Traversa, dedicato alla conservazione e digitalizzazione di film di famiglia e di archivi filmici d’impresa. Questi materiali, considerati nell’insieme, formano un mosaico di storia e un patrimonio locale, importante non solo per i singoli, ma per l’intera società: un vero e proprio patrimonio di memoria collettiva e territoriale a rischio di deperimento.  

Dal 2012 Ferrari e Traversa portano avanti la missione della salvaguardia delle memorie audiovisive private, rivolgendosi prima di tutto alla memoria di una città come Venezia che oggi, anche a causa dei rischi ambientali e del turismo di massa, rischia di scomparire insieme alle vecchie pellicole. Dopo il 12 novembre scorso, parte del loro materiale è stato danneggiato dall’alluvione, ma la solidarietà di tanti cittadini e imprese si è fatta sentire anche grazie ad una campagna di crowdfunding help-ri-prese che ha già fatto parlare di sé.

Gli altri progetti premiati sono due progetti di design inclusivo per utenti non vedenti: il progetto OLTRE, (Piergiorgio Callegher, Cecilia Garuti, Lorenzo Berti e Giorgio Grigi) un bastone intelligente, che facilita l’accessibilità urbana di Venezia comunicando tramite il rilascio di feedback vibro-tattili e uditivi e il progetto SKI TRACK, (Maria Manfroni, C. Mattia Priola) progetto di impresa che sviluppa dispositivi smart capaci di inviare e ricevere input aptici per includere utenti con disabilità visive nello sport. “Abbiamo progettato dei dispositivi smart capaci di includere e coinvolgere utenti dalle abilità diversificate, rendendo accessibile la disciplina sportiva dello sci. Finora abbiamo sviluppato dei dispositivi che permettono sia di inviare e ricevere input aptici, che di ricavare dati inerenti ai percorsi effettuati e di monitorare la performance degli atleti. Ora puntiamo ad ultimare lo sviluppo tecnologico dei dispositivi, a ricercare ulteriori applicazioni coinvolgendo un’utenza più ampia (utenti con altri tipi di disabilità, principianti)”.

Premiato anche il progetto MEPART (Filippo Andrighetto, Roberta Bartolone, Giulio Mangano, Tomas Ambra, Mattia Deon, Tommaso Spagnolli) si occupa del riuso di allestimenti e strutture temporanee prodotte dai grandi eventi culturali, come la Biennale di Venezia, attraverso una piattaforma in rete. Si rivolge a enti pubblici o privati che necessitano di interventi di riqualificazione urbana puntuale e valorizzazione culturale. Per maggiori informazioni e immagini dei progetti vincitori: 

Clicca per conoscere i progetti imprenditoriali: RI-PRESE OLTRE SKI TRACK MEPART 

L’evento e l’attività formativa si sono svolti all’interno del più ampio progetto “SOCIAL-INNOV-UPPER: innovatori sociali in Regione Veneto” (Asse II Inclusione sociale “INN Veneto – Cervelli che rientrano per il Veneto del futuro – Progetti di innovazione sociale”) finanziato dalla Regione Veneto.

Foto di: Luca Pilot, Laboratorio di fotografia, Università Iuav di Venezia