Categoria: OLTRE

Ultimi post


Tag cloud

Le startup RI-PRESE e OLTRE selezionate per la seconda fase di START CUP VENETO 2020. I nostri giovani imprenditori consolideranno il loro progetto grazie ad un programma di accelerazione a Padova.

START CUP VENETO 2020, la call per l’imprenditoria innovativa e universitaria, annuncia l’inizio della seconda fase del programma all’insegna della ripresa e del rinnovamento: si sono iscritte ben 230 persone pronte a costruire, nonostante le recenti dure esperienze legate all’emergenza sanitaria. Più iscrizioni, ma anche più opportunità, perché sono stati selezionati 12 team invece di 10, viste le ottime valutazioni a pari merito raggiunte da quattro gruppi concorrenti.

Tra i 12 team finalisti segnaliamo con orgoglio i “nostri” RI-PRESE memory keepers e OLTRE, che avevamo già visto tra i finalisti del programma di formazione Iuav START.HUB. RI-PRESE digitalizza filmini di famiglia e archivi cinematografici d’impresa con il fine di valorizzare la memoria del territorio. OLTRE offre supporti alla mobilità a persone con disabilità visive e motorie per migliorare l’accessibilità urbana e l’inclusione sociale.

La diciannovesima edizione della business plan competition veneta, la seconda organizzata con il coordinamento di tutte le università della nostra regione (Università Ca’ Foscari, Università Iuav di Venezia, Università di Verona, Università di Padova), inaugura infatti la quinta categoria premiale “CULTURE, CREATIVITY & INCLUSIVE SOCIETY” che riguarda prodotti e servizi innovativi orientati ai settori dell’economia creativa, sociale, circolare e della sostenibilità o che afferiscono agli ambiti umanistici.

RI-PRESE e OLTRE inizieranno l’Acceleration program il 15 luglio per poi continuare il 20, 21 e 22 luglio al Palazzo del Bo’ a Padova. Verrà comunque garantito un collegamento telematico a chi non possa raggiungere l’Ateneo patavino. Seguiranno lezioni laboratoriali e saranno affiancati da professionisti del settore dell’innovazione, del business e della gestione societaria, formatori ed esperti consulenti, per sviluppare competenze specifiche utili a far maturare ulteriormente la loro business idea.

Un’altra novità di quest’anno sono i due premi speciali, parte in denaro, parte in servizi, grazie alla partnership di due imprese del vicentino: Elovator srl, una società che gestisce un polo di innovazione, incubatore e spazio di coworking ed Ensys srl, un’azienda di progettazione elettronica, sviluppo firmware e sviluppo software. I 5 vincitori di Start Cup Veneto, come per il passato, parteciperanno al “Premio nazionale per l’innovazione 2020”, con i vincitori delle altre Start Cup italiane. Quest’anno la Finale del PNI si terrà a Bologna il 26 e 27 novembre 2020.

 

BUONE NOTIZIE per la start up Iuav OLTRE! Il Corriere della Sera presenta il lavoro dei nostri giovani imprenditori nell’inserto “Buone notizie - L’impresa del bene”.

Abbiamo già parlato di Cecilia Garuti, Lorenzo Berti e Piergiorgio Callegher di OLTRE, che erano apparsi su Millionaire nel numero di gennaio. Il gruppo, selezionato dal laboratorio Iuav START.HUB ed ora “incubato” per un anno presso il nuovo coworking lab VEGA del Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia , è protagonista di un’ottima campagna maketing che li porta nuovamente alla vista dei molti lettori di una testata storica a livello nazionale.

Niente di meglio che l’inserto “BUONE NOTIZIE” del Corriere della Sera, per promuovere il progetto dell’azienda che agevola la vita dei disabili visivi e motori grazie ad un bastone intelligente che segnala la presenza di ostacoli con vibrazioni e suoni. Il bastone reagisce agli impulsi di risposta di sensori posti in piccoli apparecchi chiamati “facilitatori ambientali”, posizionati in maniera pressoché invisibile nel contesto urbano, in corrispondenza degli ostacoli. Scopriamo nell’intervista che questi speciali sensori non hanno bisogno di elettricità, sono resistenti all’acqua e saranno inseriti nei facilitatori ambientali costruiti in materiali leggeri e tecnicamente performanti da lavoratori disabili, in collaborazione con Anffas. Si raddoppia l’effetto positivo sulla società: creare un prodotto innovativo ed estremamente utile per i disabili, ed offrire dall’altro lato lavoro ad una categoria svantaggiata, ne migliorerà la qualità di vita e ne favorirà l’integrazione attiva.

Leggi l’articolo